Raccontare le rivolte: cinema e musica come strumenti di liberazione

Roberto Minervini, Judy Hill
Raccontare le rivolte: cinema e musica come strumenti di liberazione

7 Maggio 2019
dalle 18:30 alle 22:00
C. S. Brancaleone
Via Levanna, 11 Roma

 Si canterà ancora nei tempi bui? Sì, si canterà dei tempi bui.
Bertolt Brecht

Il gruppo Audiovisivo di Grande come una città presenta Raccontare le rivolte: cinema e musica come strumenti di liberazione. Ospiti Roberto Minervini, Judy Hill, Sandro Portelli, Bridget Uche, Susanna Owusu Twumwah, Luca Sapio. Introduce Chiara Nano.

In occasione dell’uscita del film Che fare quando il mondo è in fiamme? in concorso alla Mostra del Cinema di Venezia 2018, il regista Roberto Minervini e la protagonista Judy Hill incontreranno il pubblico per discutere del legame fra musica, cinema e militanza. Verranno proiettate, in anteprima alcune clip tratte dal film in programmazione dal 9 maggio in tutta Italia.

Estate 2017, una serie di brutali uccisioni di giovani afroamericani per mano della polizia scuote gli Stati Uniti. Una comunità nera del Sud americano affronta gli effetti persistenti del passato cercando di sopravvivere in un paese che non è dalla parte della sua gente. Intanto le Black Panther organizzano una manifestazione di protesta contro la brutalità della polizia.

Una riflessione sul concetto di razza in America dal regista di Louisiana (The Other Side, 2015) e Ferma il tuo cuore in affanno (Stop the Pounding Heart, 2013).

Roberto Minervini è un regista e sceneggiatore italiano. Ha conseguito la laurea in Economia e commercio all’Università di Ancona e un dottorato in Storia del Cinema presso l’Università autonoma di Madrid; nel 2004 ha ottenuto un master in Media Studies alla New School University di New York. Dal 2006 al 2007 ha insegnato Regia, Sceneggiatura e Realizzazione di documentari nelle Università De La Salle e San Beda di Manila, nelle Filippine. Vive e lavora tra l’Italia e gli Stati Uniti. Il film Bassa marea (Low Tide, 2012) è stato presentato alla sezione Orizzonti nella 69ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia del 2012 e insignito del premio Ambassador of Hope. Il film Ferma il tuo cuore in affanno (Stop the Pounding Heart) ha fatto parte della Selezione ufficiale del Festival di Cannes 2013 e ottenuto numerosi riconoscimenti, tra cui il David di Donatello come miglior documentario nel 2014. Il film Louisiana (The Other Side) è stato selezionato per la sezione Un Certain Regard del Festival di Cannes 2015.

Ai partecipanti all’incontro in regalo un voucher che permette di vedere Che fare quando il mondo è in fiamme? accedendo alle proiezioni a biglietto ridotto.

Ingresso libero con tessera Arci. Se non sei tesserato puoi effettuare la pre-registrazione sul sito del Brancaleone: http://brancaleone.it/arci/

* info: [email protected]
* accessibilità: non sono presenti barriere architettoniche
* linee ATAC – http://www.atac.roma.it
* fermata Nomentana/Sannazzaro linee 60, 66, 311, 346

Articolo precedenteLetteratura e rivoluzione
Articolo successivoOpen House e Il Terzo occhio
Grande come una cittàhttps://grandecomeunacitta.org
Grande come una città è un movimento politico-culturale, nato a Roma, nel Terzo municipio, per promuovere l’incontro fra le persone, creare luoghi e momenti di confronto, nella condivisione di valori come inclusione, nonviolenza, antifascismo, e nel rispetto di tutte le opinioni, etnie, religioni e orientamenti sessuali.

Post correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Seguici

7,571FansMi piace
1,672FollowerSegui
431IscrittiIscriviti

POST RECENTI