Mutualismo: dal Mutuo soccorso alla spesa solidale

La Scuola di Politica Popolare di Grande come una città presenta

Mutualismo. Dal mutuo soccorso alla spesa solidale
Elisabetta Confaloni e Gianni Ruocco ne discutono con Salvatore Cannavò di “Jacobin Italia”24 Gennaio 2021
dalle 18:30 alle 20:30
diretta streaming sulla pagina Facebook di Grande come una città e Lab-TV

L’emergenza sanitaria che stiamo vivendo ha sviluppato e reso visibili nello spazio pubblico pratiche di sostegno dal basso alla vita delle persone, travolte da una crisi senza dubbio eccezionale, figlia però di decenni di progressivo impoverimento delle classi sociali più fragili.
L’azione promossa in questi mesi dalla fitta rete associativa che innerva il tessuto delle nostre società sta evidenziando tutta l’importanza di un’azione solidale capace di raggiungere realmente tutti, nessuno escluso!: da un lato mettendo a tema l’urgenza di politiche economiche e sociali nuove, capaci di promuovere forme di redistribuzione equa del reddito, dall’altro richiamando l’attenzione su modelli di vita collettiva basati sull’aiuto reciproco e sul fare insieme, in grado così di sottrarsi all’egemonia di un modello di individualismo assoluto, concentrato esclusivamente sui valori dell’arricchimento economico, della proprietà e del consumo.
Dal passato del movimento socialista riemergono pratiche mutualiste, che, aggiungendosi alle nuove sviluppate in questi anni, alludono già alla costruzione di altri mondi possibili.

Salvatore Cannavò giornalista ed editore, attualmente vicedirettore de Il Fatto quotidiano. Ha iniziato la professione giornalistica nel 1996 e ha lavorato per tredici anni al quotidiano Liberazione di cui è stato vicedirettore. Dal 2006 al 2008 è stato deputato di Rifondazione comunista. Dal 2010 è al Fatto quotidiano. È direttore editoriale della casa editrice Alegre ed è tra i fondatori della rivista Jacobin Italia. Tra le sue pubblicazioni, Porto Alegre capitale dei movimenti (Manifestolibri, 2002), La rifondazione mancata (Alegre, 2009), C’era una volta la Fiat (Aliberti, 2012). Mutualismo, Alegre, 2018), Da Rousseau alla piattaforma Rousseau (Paper First, 2019).

Elisabetta Confaloni dopo una formazione in Filosofia teoretica, si è perfezionata in Bioetica ed Etica pratica a Roma, in Pratiche Filosofiche e Philosophy for children a Napoli. L’ esito della sua laurea l’ha obbligata a misurarsi con le configurazioni della diversità. Ha attraversato così campi e linguaggi diversi, quali i programmi culturali di Radio Rai, l’attività autoriale a RaiEducational, la collaborazione con riviste culturali e Il Manifesto. Dal 2000 è stata richiamata dal campo gravitazionale emergente delle migrazioni come ideatrice e referente di Progetti sociali dedicati alla salute dei migranti e dei vulnerabili presso istituzioni pubbliche. Attualmente opera come esperta e formatrice per Istituzioni e il Terzo settore. È membro di Extinction Rebellion Roma.

Gianni Ruocco insegna Pensiero politico della colonizzazione e decolonizzazione e Democrazia e critica delle società contemporanee alla Sapienza Università di Roma. Studia, in particolare, le costruzioni razziste e le trasformazioni delle democrazie contemporanee. È stato giornalista ed è appassionato lettore di poesia. In Grande come una città è tra i coordinatori della Scuola di Politica Popolare “Il Terzo incomodo”.

La scuola di politica popolare #IlTerzoIncomodo è una scuola a iscrizione gratuita, aperta a tutte e tutti, uomini e donne, ragazze e ragazzi, donne e uomini di pace, costruttori e costruttrici di ponti, che hanno voglia di mettere insieme dubbi, riflessioni ed esperienze, di unirsi per dar vita a pensieri e a pratiche comuni, e che credono possibile lavorare insieme per trasformare il mondo.

Per iscriversi alla Scuola di politica popolare andare al link
___

per informazioni scrivi a:
Scuola di politica popolare
Grande come una città

Grande come una città
Grande come una cittàhttps://grandecomeunacitta.org
Grande come una città è un movimento politico-culturale, nato a Roma, nel Terzo municipio, per promuovere l’incontro fra le persone, creare luoghi e momenti di confronto, nella condivisione di valori come inclusione, nonviolenza, antifascismo, e nel rispetto di tutte le opinioni, etnie, religioni e orientamenti sessuali.

Post correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Seguici

7,571FansMi piace
1,759FollowerSegui
513IscrittiIscriviti

POST RECENTI