Cioè

Pubblichiamo una breve dissertazione sulla fotografia di Alfredo Bernasconi, amico di Milano, che ha conosciuto Grande come una città navigando in rete e che noi con piacere ospitiamo.

Un mio assioma: la pigrizia è una benefica maledizione.
L’inattività, l’inerzia, inducono a una diversa osservazione, si ripercorrono itinerari più e più volte.
Lenta digestione di paesaggi visti.
Pur di non agire, ri-agisco.
Fotografo.
Cioè.
A stento conosco me, quindi parlo per me e di me.
In me vige l’istinto del portinaio, senza offesa, forse i fotografi sono reincarnazioni di portinai e portinaie.
Mi domandano: la fotografia esiste ancora? E, nel caso, cosa è?
Bella storia. Stupidaggini, la fotografia è una non domanda.
Sono non presente a me stesso, come sempre, lascio che un mezzo mi mostri altro.
Guardo il prodotto, lo riproduco, lo riproduco e poi lo riproduco.
È sempre diverso, cazzarola.
Tutto questo mi induce all’abbandono.
Ne ho sofferto tantissimo, povero me!
Ma per me questo è il senso, la fotografia è talmente libera che mette l’ebrezza.
Mi resi conto che la schiavitù non fotografa, la forma mentis rende orbi, se non ciechi.
Comprendere, comprensione, compressione, apprensione, apprendimento.

Conoscere? No, è troppo. Non discostarsi troppo dalla propria accidia.
Grande fortuna, la mia.
Duro è stato ammettere che il risvolto della medaglia è la paura del confronto. Con il tempo ho imparato ad alzare il tappeto e a scoparci sotto alcuni pensieri.
Riproduco, riproduco, mi avvicino ai particolari, sempre tutto diverso, alberi con altre
forme, sguardi con altri significati.
Infinito.
Baudrillard, Lo scambio simbolico e la morte.
L’ho letto da ragazzino, nella prefazione era spiegato il contenuto del testo che poi sarebbe seguito.
Innocentemente ho pensato che fosse meno noiosa e più efficace la prima parte del libro che non tutto il resto.
Forse la noia attanaglia le parole, a volte un po’ cialtrone; la fotografia è un bel modo per sgattaiolare.
Concludo questa, spero breve per chi legge, dissertazione di cui non se ne comprende
l’utilità, ma questo vale, del resto, per tantissime cose mondane.
Un saluto,

bernasconi1

 

vanishngPoint

Articolo precedente
Articolo successivo
Grande come una città
Grande come una cittàhttps://grandecomeunacitta.org
Grande come una città è un movimento politico-culturale, nato a Roma, nel Terzo municipio, per promuovere l’incontro fra le persone, creare luoghi e momenti di confronto, nella condivisione di valori come inclusione, nonviolenza, antifascismo, e nel rispetto di tutte le opinioni, etnie, religioni e orientamenti sessuali.

Post correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Seguici

7,571FansMi piace
1,759FollowerSegui
515IscrittiIscriviti

POST RECENTI