Grande come una città con Guillermo Arriaga presenta – Come un libro aperto: L’origine del fuoco

Guillermo Arriaga dialoga con Ludovica Rampoldi e Paolo Di Paolo
Letture di Valerio Mastandrea

È Bruno Arpaia a firmare la traduzione di Salvare il fuoco (Bompiani), la storia di Marina Longines e di Jose Cuauhtémoc, di origine india: lei una giovane coreografa, che s’innamora di lui. Jose Cuauhtémoc un assassino condannato a ben 50 anni di carcere. Seguono una miriade di personaggi che Arriaga fa vivere su quattro diversi piani narrativi, dentro un romanzo che parla sia di diseguaglianza che di ingiustizia sociale e così l’autore trascina il lettore in quell’abisso che c’è tra “quelli che hanno paura e quelli che provano rabbia”.

“Il romanzo – racconta Arriaga in un’intervista a Esquire –  parla proprio di come salvare ciò che è importante per ognuno di noi. Ognuno dei personaggi alla fine dei conti trova un modo per salvare il proprio fuoco.”

Guillermo Arriaga (Città del Messico 1958) è uno dei più importanti autori messicani contemporanei. Scrittore, sceneggiatore, regista e produttore, inizia a scrivere giovanissimo. Studia teatro e poi letteratura. Insegna all’Universidad Iberoamericana de México per venti anni. Si avvicina al mondo del cinema come scrittore e Insieme a Alejandro González Iñárritu firma le sceneggiature di Amores Perros, 21 Grammi e Babel. Con la sceneggiatura de Le tre sepolture vince a Cannes nel 2005. Esordisce alla regia con The Burning Plain – Il confine della solitudine interpretato da Sharon Stone e Kim Basinger.
Tra i suoi libri: Pancho Villa e lo Squadrone GhigliottinaUn dolce odore di morteIl bufalo della notteRetorno 201Il selvaggio. Tra le ultime pubblicazioni Salvare il fuoco (Bompiani 2021)

Paolo Di Paolo è autore di romanzi, saggi, testi teatrali e libri per bambini. L’ultimo libro è Svegliarsi negli anni venti (Mondadori). È tradotto in diverse lingue europee. Collabora con la Repubblica e con Rai Radio 3.


Ludovica Rampoldi sceneggiatrice, scrittrice e docente italiana. Tra i suoi ultimi film come sceneggiatrice: Slam- tutto per una ragazza (2016), Il ragazzo invisibile (2014), Il Ragazzo Invisibile: Seconda Generazione (2017) e, last but not least, Il traditore di Marco Bellocchio, vincitore dell’EFA e del Nastro d’argento per la migliore sceneggiatura 2019. 

Valerio Mastandrea attore, sceneggiatore, regista e produttore. Esordisce a teatro e poi approda al cinema quasi per caso. Ha interpretato più di 75 film. È stato diretto dai più famosi registi italiani (Luigi Magni, Francesca Archibugi, Daniele Vicari, Ettore Scola, Nanni Moretti, Paolo Virzì, Marco Tullia Giordana, Silvio Soldini, Marco Bellocchio solo per citarne alcuni). Ha vinto 4 David di Donatello come miglior attore.

Mercoledì 22 Settembre 2021
dalle ore 18:30 alle 20:00
Parco Simón Bolívar,
Via Monte Serrone 20 Roma
__

* info: [email protected] 
* web: www.grandecomeunacitta.org 
* evento Facebook: https://fb.me/e/4eCHdUsZX

* accessibilità – non sono presenti barriere architettoniche
* linee ATAC – http://www.atac.roma.it (http://www.atac.roma.it)

Articolo precedenteLazio Magistralis
Articolo successivoCongratulazioni a Giorgio Parisi
Grande come una cittàhttps://grandecomeunacitta.org
Grande come una città è un movimento politico-culturale, nato a Roma, nel Terzo municipio, per promuovere l’incontro fra le persone, creare luoghi e momenti di confronto, nella condivisione di valori come inclusione, nonviolenza, antifascismo, e nel rispetto di tutte le opinioni, etnie, religioni e orientamenti sessuali.

Post correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Seguici

7,571FansMi piace
1,672FollowerSegui
431IscrittiIscriviti

POST RECENTI